Carta delle contrattazioni nazionali del MST con il governo.

Carta delle contrattazioni nazionali
del MST con il governo

2 Maggio 2000

Assassinato un senza terra in Parana, MST
Notizie Maggio '00, MST
Giornata di lotta del 2 maggio 2000, MST

1. Accesso alla terra, incra, espropri e perizie

  1. Considerare ai fini dell'esproprio non solo gli indici di produttività ma anche le leggi sul lavoro e ambientali per determinare la funzione sociale della proprietà della terra.
  2. Insediamento immediato di tutte le famiglie accampate in zone di conflitto;
  3. Garantire le risorse in modo che tutte le sovraintendenze possano aumentare gli obiettivi per quanto riguarda le perizie,gli espropri e gli insediamenti di nuove famiglie;pertanto é necessario il potenziamento delle sovraintendenze dei vari stati.
  4. Realizzare un concorso pubblico per assumere tecnici e impiegati per i dipartimenti fondiario e degli insediamenti.
  5. Sostituire con altri dipendenti federali i funzionari dell'INCRA che sono chiaramente legati agli interessi dei latifondisti.
  6. Per quanto riguarda le terre semi-aride:
    • Le aree irrigate occupate dal DNCOS siano trasferite all'amministrazione dell'INCRA.
    • Nella distribuzione dei lotti dei Progetti di irrigazione sia data la priorità ai lavoratori semterra.
    • Esproprio prioritario delle aree con acqua soprattutto nelle valli dotate dei grandi serbatoi.
    • Il Ministero incorpori tutte le terre pubbliche federali di proprietà della Cia pública di colonizzazione (nel Maranhão e nel Tocantins), che ammontano a 900 mila ettari nel primo e a 500 mila ettari nel secondo, per distribuirle con la riforma agraria rispettando i criteri tecnici di viabilità per le aree da espropriare.

2. Alimentazione

  1. Assistenza alimentare a tutte le famiglie accampate in forma permanente e mensile,attraverso la cesta básica con alimenti diversificati e di buona qualità per un minimo di 45 Kg.

3. Insediamenti

  1. Le famiglie insediate abbiano il diritto di discutere le caratteristiche dei progetti di insediamento e possano deliberare circa la costruzione delle case la localizzazione dei servizi comuni etc.
  2. Le famiglie insediate abbiano diritto di veto sulle opere oggetto di contratto negli incontri INCRA/CEF/ Prefetture( Istituto per la riforma agraria, Cassa economica federale, Amministrazione locale) che spesso sono assegnate a imprese private inaffidabili , che costruiscono con materiali di pessima qualità, non rispettano gli accordi e non sono penalizzate.
  3. Che l'Incra dia la priorità nell'assegnazione dei lavori alle imprese pubbliche esistenti nei vari stati.
  4. Che tutto il legname esistente nella zona dell'insediamento,disponibile all'utilizzazione,al di fuori della riserva legale, sia considerato di proprietà collettiva e che l'Incra ne garantisca lo sfruttamento collettivo per le necessità delle famiglie nella costruzione delle case, delle scuole e dei servizi comuni.

4. Credito di impianto
Deve essere mantenuto sotto la responsabilità dell'INCRA il credito di impianto alle famiglie insediate.
Alimentazione e abitazione:

  1. Alimentazione; corrispondere a ogni famiglia un salario minimo mensile per un anno per il loro mantenimento
  2. Mantenimento: corrispondere a ogni famiglia R$ 3.500,00 per iniziare la attività produttiva di mantenimento garantendo le condizioni minime di sopravvivenza.
  3. Abitazione: Ripristinare immediatamente il credito per la casa di Rs 4.500.000 che sia assegnato 30 giorni dopo il trasferimento della famiglia nell'area e la definizione del progetto di insediamento.Che siano rispettate le decisioni delle famiglie sul tipo di casa,i materiali, il modello ( non uniforme)e la localizzazione delle tavole.

N.B. Questi crediti di impianto non debbono richiedere obbligatoriamente la costituzione di persone giuridiche che ricevano le risorse, ma dovranno essere corrisposti direttamente agli insediati, con alcuni controlli. 5. Credito per la produzione
Ci deve essere una linea di credito specifica e unica per tutte le famiglie dell'isediamento , con un sussidio del 50%, coordinata e gestita dall'INCRA e da una rappresentanza degli insediati.
Poiché l'agente finanziario é il creditore, i beneficiari non dovranno pagare tasse bancarie e amministrative.

  1. Investimento individuale ; Fino a R$ 20.000,00 per famiglia come tetto massimo,d'accordo con le necessità e i progetti presentati, che venga corrisposto secondo i piani di investimento.Con 20 anni di tempo per la restituzione,con 5 anni di tolleranza, tassi del 3% all'anno, sconto del 50% su interessi e capitale.
  2. Investimento collettivo ; Mantenere un tetto per l'integrazione delle quote parti dell'investimento collettivo nelle cooperative degli insediamenti con gli stessi limiti e condizioni degli investimenti individuali: 20 anni di tempo per il pagamento con 5 anni di tolleranza, interessi del 3% all'anno e sconto del 50% su interessi e capitale.
  3. Sostegno; Creare una linea di sostegno annuale del valore di R$ 3.000,00 per famiglia; il primo sostegno dovrà essere allle stesse condizioni di finanziamento del credito per investimento; per i successivi un anno di tempo per il pagamento e sei mesi di tolleranza, al 3% senza indicizzazione e sconto del 50% su interessi e capitale.
  4. Commercializzazione ; Finanziamento alle cooperative e alle associazioni per la commercializzazione dei prodotti agricoli e per l'acquisto delle materie prime , con un anno per il pagamento e 6 mesi di tolleranza, interesse del 3% all'anno senza indicizzazione e senza riduzione del 50%.

6. Assistenza técnica
Mantenere il programma di assistenza tecnica alle famiglie insediate coordinato dall'INCRA.

  1. Mantenere le attuali equipes del LUMIAR, ampliarle e crearne di nuove immediatamente, in modo da assistere tutte le famiglie con un rapporto di una equipe ogni trecento famiglie insediate ( in alcune aree dove le famiglie si trovano molto distanti tra loro prevedere un rapporto di una ogni 150).
  2. Rivalutare immediatamente i valori delle equipes attuali per le voci salari,trasporti e costi amministrativi.
  3. Considerare nelle equipes del LUMIAR la multidisciplinarietà e la necessità di specialisti nelle aree amministrativa, economica e agroindustriale.
  4. Negli insediamenti possano entrare solo le equipes del LUMIAR o di imprese pubbliche e sia proibito utilizzare imprese private che non garantiscono assistenza tecnica essendo interessate solo ai facili guadagni per le tasse risparmiate sul valore del progetto e non alla sua realizzazione.
  5. Il governo rivaluti e garantisca i fondi per le ricerche del Embrapa,soprattutto sui prodotti dell'agricoltura familiare e sblocchi la fornitura delle tecnologie già esistenti e appropriate all'agricoltura familiare.

7. Pronera

  1. Il Pronera sia gestito dai movimenti sociali della campagna.
  2. Siano utilizzati i 15 milioni di reais non utilizzati nel 1999.
  3. Siano investiti altri 50 milioni nel PRONERA durante l'anno 2.000.

8. Costituzione di programmi speciali

  1. Quest'anno siano spesi 300 milioni di reais per la riparazione e la creazione di strade, elettrificazione rurale,chiuse, dighe e pozzi artesiani negli insediamenti.
  2. Creazione di centri culturali e sportivi negli insediamenti: investimento di 50 milioni di reais per creare un centro in ogni regione dove ci siano più di 500 famiglie insediate.
  3. Ricupero delle aree degradate e protezione delle sorgenti e formazione di controllori e incaricati della conservazione: investimento di 200 milioni.
  4. Promozione culturale e formazione tecnica delle famiglie.
    1. Appoggio materiale ai centri di formazione
    2. Stabilire un programma nazionale di formazione tecnica nelle diverse aree di studio per i genitori e i loro figli, con un investimento di 30 milioni.
    3. Creazione di una biblioteca modello (com videoteca,giocattoli..)nelle scuole degli insediamenti pilota di ogni stato.
  5. Programma di medicina popolare
    • Destinazione immediata di 8,5 milioni al programma Farmacia verde/Terra e salute.
    • Destinazione di 3 milioni alla formazione di responsabili della salute, assistenza infiermeristica, unitamente a un programma di lotta alle malattie tropicali trasmissibili sessualmente.
    • Che sia inclusa nell'assistenza tecnica del Lumiar la formazione delle farmacie.
    • Che in tutti gli insediamenti si avvii un programma per un medico di famiglia e si generalizzi l'accesso delle donne al pap test e alla prevenzione del cancro al seno:investimento di 10 milioni.

9. Legislazione

  1. Esenzione immediata del pagamento delle tasse COFINS e PIS per le cooperative degli insediamenti e per i piccoli agricoltori,istituite col decreto provvisorio n°1858-9
  2. Esenzione immediata della tassa dell'INSS sopra le cooperative degli insediamenti e dei professionisti che lavorano per gli insediamenti, istituita con la Legge n°9876
  3. Modifica della Risoluzione n°2.608/99 della Banca Centrale, per permettere condizioni migliori per la formazione e lo sviluppo delle piccole cooperative di credito rurale.
  4. Che sia revocata la legge 9.832/99 che proibisce il trasporto del latte nei bidoni.

10. Diritti umani

  1. Appoggio al pagamento degli avvocati impegnati nella difesa dei diritti dei lavoratori.
  2. Indennizzo immediato di tutte le vittime della violenza nelle zone rurali
  3. Approvazione del progetto di legge che trasferisce i crimini definiti come massacro alla competenza federale.

11. Donne

  1. Appoggio alla campagna di documentazione delle lavoratrici rurali
  2. Che tutti i documenti relativi ai lotti di terra e al finanziamento del credito rurale siano fatti congiuntamente a nome del marito e della moglie.

12. Titoli di proprietà

  1. Sospensione immediata di tutti i processi di assegnazione in vista della discussione con le organizzazioni degli insediamenti, di una nuova forma di titolarità ( collettiva e in concessione d'uso) e della relativa metodologia. Intanto revisione del processo di accatastamento delle terre seguito dall'INCRA.
  2. Eliminazione dagli insediamenti di tutti i compratori illegali dei lotti.