Notizie Marzo 2009

Notizie Marzo 2009
Marzo 2009
Manifestazione unitaria contro i licenziamenti
30 Marzo
"La manifestazione - che si svolge a San Paulo - rappresenta un passo importante per ricostruire l'unità della sinistra e ricominciare un processo di lotte di tutta la classe lavoratrice contro le banche, il capitale finanziario e le imprese transnazionali che sono responsabili della crisi", afferma João Paulo Rodrigues del coordinamento nazionale del MST. Antonio Carlos Spis, della direzione della CUT, dice che è fondamentale unire le forze per andare nelle strade a dire che i lavoratorii non pagheranno per la crisi. Nonostante la difficoltà di unire varie anime della sinistra, la manifestazione vedrà la partecipazione di molte organizzaioni da Conlutas a Força Sindical. È ora di sconfiggere le tesi neliberiste che hanno dato al mercato la supremazia sulla nostra vita e su uno sviluppo nazionale autonomo. Una delle parole d'ordine della manifestazione è "riforma agraria" come alternativa alla crisi. Aderiscono: ASSEMBLÉIA POPULAR, CEBRAPAZ, CGTB, CMB, CMS, CONAM, CONLUTAS, CONLUTE, CTB, CUT, FORÇA SINDICAL, INTERSINDICAL, MARCHA MUNDIAL DE MULHERES, MST, MTL, MTST, NCST, OCLAE, UBES, UBM-FDIM, UGT, UNE, UNEGRO, VIA CAMPESINA
(Per leggere Letraviva MST sulla manifestazione)

Manifestazione Brasile-Paraguay
25 Marzo
La manifestazione è avvenuta sul ponte della Amizade, tra Ciudad del Este e Foz do Iguaçu. L'iniziativa simbolizza l'inizio di un processo di collegamento tra i movimenti sociali di paesi vicini.
Brasile e Paraguay hanno subito secoli di colonizzazione, dittature e disuguaglianza sociale. A partire dagli anni 80 sono diventati laboratori del capitalismo mondiale. Ma in America Latina soffiano venti nuovi. E i movimenti sociali credono che il popolo brasiliano e paraguaiano e degli altri paesi latino-americani formino un unico popolo e lottano per una giusta soluzione del Trattato di Itaipu. Il Paraguay deve ricevere un prezzo giusto per l'energia che vende e queste risorse devono essere utilizzate per affrontare i gravi problemi sociali del paese. Entrambi i popoli sostengono la sovranità energetica e alimentare dei loro paesi. - Via Campesina, Assembléia Popular, CMS.

Consegnata a Vannucchi una relazione sulle milizie armate nelle campagne
19 Marzo
È stata consegnata al ministro Vannuchi, della Segreteria Speciale per i diritti umani, una relazione sulla formazione di milizie private nelle campagne, con la presentazione di 13 casi che riguardano la contrattazione di guardie armate da latifondisti dello stato e violazioni dei diritti umani in Pernambuco. La relazione è stata elaborata da Justiça Global, MST, MDNH/Pe, NAJUP e Terra de Direitos. I casi riferiti riguardano diverse violazioni dei diritti umani, come aggressioni fisiche, calunnia, minacce di morte o anche sgomberi forzati.

Letraviva MST sulla mobilitazione delle donne 17 Marzo
Le donne della Via Campesina si sono mobilitate la settimana scorsa, in occasione della Giornata Internazionale delle Lotte delle donne. La lotta è il nostro strumento storico per denunciare che il modello dell'agrobusiness è socialmente ingiusto e insostenibile dal punto di vista dell'ambiente. Abbiamo anche messo in discussione il ruolo dello stato, che, di fronte a una crisi profonda e strutturale dell'economia, fa la scelta di soccorrere le grandi imprese private che sfruttano il nostro paese, la biodiversità, le risorse naturali e licenziano lavoratori e lavoratrici
(Per leggere l'intero testo)

Plínio Arruda Sampaio, in difesa del MST
16 Marzo
Il MST è soggetto a due tipi di attacchi: quelli permanenti e quelli intermittenti..Il primo tipo di attacco è quello quotidiano portato avanti dalla UDR (Unione Democratica Ruralista) e dal "gruppo ruralista" in parlamento. L'altra forma di attacco avviene in certi momenti. In questo momento il movimento affronta questo secondo tipo di attacco: una grande offensiva patrocinata da nemici visibili e invisibili. Uno dei nemici visibili è l'attuale presidente del Supremo Tribunale Federale. L'offensiva attualmente in corso contro il MST punta a "ripulire" l'area dell'agricoltura da un'organizzazione autentica che può essere un serio ostacolo all'affermazione del nuovo modello agricolo adottato dal governo, il modello del grande agrobusiness. L'ordine quindi è seppellire la riforma agraria.
(Per leggere la sintesi dell'articolo)

Wallerstein: imparando dal Brasile
Folha de Sao Paulo, 15 Marzo
Il MST sarebbe un buon esempio da seguire per la sinistra americana di fronte a Obama, se gli USA avessero qualcosa di comparabile in termini di movimenti sociali.
Secondo me, l'unico atteggiamento sensato è quello adottato dal grande forte e militante MST in Brasile. Il MST ha appoggiato Lula e nel 2002 e, nonostante tutte le promesse che lui non ha mantenuto, ha appoggiato la sua rielezione nel 2006. Lo ha fatto con piena coscienza dei limiti del governo Lula, perché l'alternativa sarebbe stata evidentemente peggiore. Ma quello che il MST ha fatto è stato anche mantenere una costante pressione sul governo di Lula: incontrandolo, denunciandolo pubblicamente quando lo meritava e organizzandosi sul campo per combattere i suoi errori.
(Per capire il contesto in cui questo brano è inserito)

Stedile accusa Gilmar Mendes che criminalizza il MST
14 Marzo
In una intervista al giornale Epoca, Stedile dice che Mendes e' un latifondista e difensore delle elite, il Berlusconi giallo-verde. Il Presidente del Supremo Tribunale Federale ha affermato il mese scorso che il governo federale non può dare denaro pubblico al MST. Il denaro al quale si riferisce viene consegnato a delle ONG, come ANCA, CONCRAB, ITERRA, organizzazioni autorizzate a riceverlo che sono rigorosamente controllate.
(Per leggere l'intera intervista a Stedile)

Bloccate le scuole itineranti del MST - Firmate la petizione
13 Marzo
La governatrice del Rio Grande do Sul Yeda Crusius, e la parte di destra del Pubblico Ministero dello stato stanno colpendo le Scuole Itineranti del MST nel Rio Grande del Sud decretando la chiusura di queste istituzioni educative. Questa azione fa parte della criminalizzaione e del tentativo di espulsione del MST dallo stato. Per proteggere i latifondi e le corporazioni, specialmente quelle della cellulosa, Yeda e i suoi alleati vogliono tagliare quel che giudicano essere il male alla radice: l'educazione dei bambini, dei giovani e degli adulti che sono accampati da anni visto che niente viene fatto a favore della riforma agraria.
(Per leggere tutta la petizione e firmarla)

Jacques Diouf - Direttore generale della FAO elogia la lotta delle donne di Via Campesina
10 Marzo
Il 10 marzo una commissione di lavoratrici rurali è stata ricevuta a Brasilia dal Direttore generale della FAO. Diouf ha ascoltato una relazione sulle azioni realizzate dalle donne contadine in questi giorni, per denunciare la priorità data dal governo all'agrobusiness e alle imprese transnazionali del settore esportatore, specialmente in agricoltura, e lasciando in secondo piano i lavoratori rurali, la produzione di alimenti e la Riforma Agraria. Il dirigente della Fao ha affermato che l'ONU sostiene le stesse posizioni di Via Campesina e che la loro lotta è "giusta e necessaria" e ha messo in relazione l'azione dell'agrobusiness nelle campagne brasiliane con l'aumento della fame. Per Diouf lo stato deve finanziare la piccola agricoltura, visto che l'agricoltura imprenditoriale ha tutte le condizioni di sostenersi da sola. Diouf ha anche sottolineato che la realizzazione della riforma agraria, porre limiti alla proprietà della terra e attualizzare gli indici di produttività sono condizioni per mettere fine alla fame in Brasile. Un paese - ha concluso- è sovrano e sviluppato solo se possiede terre per produrre i propri alimenti.