La riforma agraria sul banco degli imputati: 17 lavoratori in carcere

La riforma agraria sul banco degli imputati: 17 lavoratori in carcere
Campagna di solidarietà ai 17 prigionieri politici del MST degli Stati São Paulo, Goiás, Paraíba e Mato Grosso do Sul.
São Paulo
Sono tre i militanti rurali detenuti in questo stato: José Rainha Júnior e Felinto Procópio, Mineirinho, sono in carcere dall' 11 luglio, a Teodoro Sampaio, Pontal do Paranapanema, accusati di formazione di banda. La moglie di Rainha, Diolinda Alves de Souza è stata arrestata il 10 settembre. Queste carcerazioni fanno parte di una strategia di criminalizzazione del MST, scatenata dal giudice Átis de Araújo, che, in poco più di un anno, ha decretato la prigione preventiva per 28 appartenenti al Movimento, nella regione di Pontal. Nello Sato, la giustizia continua a perseguire i lavoratori: ci sono altri otto mandati di arresto per appartenenti al MST: Cledson Mendes, Márcio Barreto, Messias Duda, Eduardo de Morais, Zelitro Luz, Valmir Rodrigues Chaves, Sérgio Pantaleão e Roberto Rainha.

Messaggi e proteste devono essere inviati al Governatore dello Stato
Geraldo Alckmin - Fax: (11) 3745-3301- saopaulo@sp.gov.br

Paraíba
Otto lavoratori rurali occupanti della Fazenda Mendonça - considerata improduttiva dall'Incra, nel comune Itabaiana, sono in carcere dal giugno 2002. Sono accusati di omicidio di un pistoleiro della regione. La difesa dei lavoratori afferma che hanno agito per legittima difesa. Antônio Francisco da Silva, José Inácio da Silva Irmão, José Luiz dos Santos, José Martins de Farias, Marcelo Francisco da Silva, Severino José da Cruz, Severino Ramos dos Santos e Ivanildo Francisco da Silva aspettano il giudizio dell'habeas corpus e accusano la polizia locale di tortura perché confessino un crimine che non hanno commesso.

Encaminhe mensagens de solidariedade:
Juiz da Comarca de Itabaiana - José Ferreira Ramos Júnior - Fax: (83) 281-1383

Goiás
Il 4 luglio, durante uno sgombero in un'area vicina alla Fazenda Duartina, nella città di Fazenda Nova, in Goiás, sono state arrestate circa 40 persone. Durante la rimozione delle famiglie, sono accaduti atti di violenza fisica e psicologica, oltre alla distruzione di alimenti, bandiere e cappellini. Ancora una volta, il sistema giudiziario della regione non ha tenuto conto di tutte queste irregolarità. Quattro lavoratori sono ancora in carcere nella città di Fazenda Nova: Josnei Dias, Claudinei Lúcio Soares dos Santos, Valdinei Vicente Silva e Milton Felipe de Moraes.

Messaggi di appoggio e solidarietà al: Governador do Estado - Marcolini Perillo
www.goias.gov.br (cliccare su: Fale com o Governador)

Mato Grosso do Sul
Carlos Aparecido Ferrari e Antonino Alves de Lima, (Toninho Borborema), sono in carcere dal 26 di agosto, nella città di Dourados, in un carcere di massima sicurezza. I mandati di arresto erano stabiliti dal dicembre 2000, quando l'allora giudice Eduardo Magrinelli Júnior aveva decretato la prigione anche di altri 19 lavoratori rurali. Il delegato della città sostiene che il lungo tempo passato prima della esecuzione dei mandati è dipesa dalla difficoltà di localizzare i lavoratori, anche se sono dirigenti costantemente presenti negli accampamenti. Il MST interpreta questi arresti come una rappresaglia rispetto all'occupazione della Fazenda Coimbra, nella città di Itaporã, il 24 agosto.

I messaggi devono essere indirizzati al:
Procurador Geral do Ministério Público - Sérgio Luiz Morelli
Fax: (67) 341-4102

Proposta di testo di messaggio da inviare a:
- Geraldo Alckmin - saopaulo@sp.gov.br
- José Ferreira Ramos Júnior - Fax:0055 (83) 281-1383
- Marconi Perillo www.goias.gov.br o governadormarconi@goias.gov.br
- Sérgio Luiz Morelli Fax: 0055 (67) 341-4102

Os trabalhadores do MST estão sendo vítimas nos últimos meses de uma própria e verdadeira perseguição em alguns estados do Brasil.
Hoje 17 militantes do MST estao presos nos estados de São Paulo, Goiás, Paraíba e Mato Grosso do Sul
Fazemos um apelo para seja respeitada a Constituição brasileira, que prevê a expropriação das propriedades que não cumprem sua função social. Defendemos o fato que os trabalhadores do MST estão em luta para que a Constituição seja colocada na prática e não podem ser perseguidos por este motivo ou tratados como criminosos. Criminosa é a propriedade que não cumpre a sua função social, que se apropria de terras públicas, que utiliza o trabalho escravo e que não respeita o meio-ambiente. Os sem terra ocupam terras porque aqueles que não dispõem dos meios de comunicação de massa devem encontrar outras maneiras de levar ao conhecimento público as próprias reivindicações. Os sem terra querem com isso somente alcançar o justo objetivo, que é a reforma agrária. Não criminalizem sua luta justa, pedimos a liberdade para os trabalhadores sem terra que se encontram na prisão.

(TRADUZIONE: I lavoratori del MST stanno subendo negli ultimi mesi una vera e propria persecuzione in alcuni stati del Brasile. Oggi ci sono 17 militanti del MST in prigione negli stati di São Paulo, Goiás, Paraíba e Mato Grosso do Sul.
Noi ci appelliamo al rispetto della Costituzione brasiliana, che prevede l'esproprio delle proprietà che non compiono la loro funzione sociale. Sosteniamo che i lavoratori del MST stanno lottando perché la Costituzione sia messa in pratica e non possono essere perseguitati per questo o trattati come criminali. Criminale è la proprietà che non compie la sua funzione sociale, che si appropria di terre pubbliche, che utilizza lavoro schiavo, che non rispetta l'ambiente. I senza terra occupano terre perché, coloro che non hanno a disposizione i mezzi di comunicazione di massa, devono trovare altri modi per far conoscere le proprie rivendicazioni. I senza terra vogliono solo perseguire così il giusto obiettivo della riforma agraria. Non criminalizzate la loro giusta lotta, liberate i lavoratori senza terra in carcere