Carovana intercontinentale

Carovana intercontinentale per l'umanità
e contro il neo liberismo

500 buoni motivi per non fermarsi
24 maggio/20 giugno 1999 Dal 24 maggio al 20 giugno 400 rappresentanti del movimento dei contadini indiani del Karnataka, integrati con 100 rappresentanti di altri movimenti del Sud del mondo, attraverseranno l'Europa condividendo le ragioni della rivolta al nuovo ordine mondiale.
Arrivano in un'Europa sempre più asservita al capitale nordamericano, impegnata a regolare i conti nell'area balcanica con l'ottusa ferocia che da sempre contraddistingue lo spirito coloniale e imperialista covato nel ventre oscuro di questo continente e magnificamente impiantato sull'altra sponda dell'atlantico.
Giungono in Europa per uscire dall'invisibilità a cui la globalizzazione condanna i soggetti reali per ridefinirli solo in base al loro valore commerciale. Vengono a parlare della vita e dei valori di persone che rifiutano il mito del ''progresso'' e con esso la grande menzogna che da secoli ci accompagna. La menzogna che la tecnologia sviluppata dal capitale fosse destinata al bene comune e che solo l'ignoranza ne impediva il meraviglioso dispiegarsi. La cultura e il potere capitalistico si sono imposte con la forza delle armi e la pretesa di rappresentare al meglio le sorti dell'umanità intera. Hanno creato industrie che avvelenano il mondo e ne sfruttano selvaggiamente la ricchezza, hanno prodotto l'atomica a dimostrazione di potenza e la Rivoluzione Verde per affamare i poveri.
Ed ora l'ultimo mostruoso parto di questo delirio di onnipotenza che sembra inarrestabile . Le colture transgeniche e i brevetti genetici per disegnare un mondo dove pochi gruppi multinazionali avranno nelle loro mani la capacità di produrre in laboratorio i cibi che soffocheranno le possibilità naturali di sostentamento e nel frattempo si faranno pagare per quello che la natura e il lavoro dell'uomo hanno creato in migliaia di anni.
Intanto la globalizzazione e il neoliberismo stanno portando ad una accentrazione della ricchezza come non si era mai visto, allargando a dismisura i confini del Sud , superando i limiti geografici per unire in un comune progetto egemonico tutti i Nord presenti sulla Terra.
A tutto questo si oppongono i movimenti contadini, dall'India al Brasile, all'Africa, all'America Centrale, avanguardie di figure quasi scomparse dal nostro quotidiano eppure ben presenti nel resto del mondo. Usano la loro cultura millenaria coniugandola con la parte migliore del pensiero moderno per affermare valori, modelli di vita e rapporti con la natura differenti e contrapposti ai sistemi e alla cultura capitalistica. Questo messaggio lo porteranno in giro per l'Europa nei prossimi mesi, toccando in varie tappe alcune città italiane.
Per informazioni si può contattare il
Comitato Romano per la Carovana Intercontinentale presso il CSA La Torre,
il martedì dalle 18 alle 21 tel. 06822869
e-mail mmariuz@tin.it

Per affrontare le notevoli spese dell'iniziativa è stato aperto il
CCP n°43405208 intestato Carovana Intercontinentale
che raccoglierà il contributo di quanti vorranno sostenere il progetto.

Comitato Romano per la Carovana Intercontinentale


 
  ... Per saperne di piu... Associazione 'Il Cerchio'