Un'azione orchestrata contro i movimenti sociali

Un'azione orchestrata contro i movimenti sociali
Dal Coordinamento statale del MST del Rio Grande del Sud
Giugno 2008

Amici e Amiche della lotta per la terra,
Vi inviamo una nota diffusa sugli sgomberi del 17 giugno a Coqueiros do Sul in due aree che erano state cedute a famiglie accampate. Vogliamo avvertirvi che esistono già richieste del Pubblico Ministero per sgomberare gli accampamenti di São Gabriel (di un'area che è pre-insediamento) e quelli di Nova Santa Rita e Pedro Osório, che sono in aree di insediamento. Queste richieste possono essere eseguite in qualsiasi momento.
Contiamo sul vostro appoggio in questo momento di repressione, non soltanto al MST ma all'insieme dei movimenti sociali.
Un forte abbraccio e buona lotta

Coordinamento statale del MST del Rio Grande del Sud


Un'azione orchestrata contro i movimenti sociali
Metodi e Argomenti del Pubblico Ministero e della Brigata Militare resuscitano la dittatura militare nel Rio Grande del Sud
Il 17 giugno centinaia di famiglie di lavoratori Senza Terra sono state sgomberate da due accampamenti dalla Brigata Militare del Rio Grande del Sud nel comune di Coqueiros do Sul. Le due aree appartengono a piccoli proprietari e sono state cedute per l'installazione delle famiglie. Le baracche e le coltivazioni sono state distrutte, gli animali dispersi perché le famiglie non potessero portarli via. Le famiglie sono state mandate sul bordo della strada a Sarandi per decisione del Potere Giudiziario.
Bisogna ricordare che quest' accampamento al bordo della strada è lo stesso da cui erano stati sgomberati un anno fa. Fino a quando resteranno là? Quanto tempo passerà fino al prossimo sgombero?

Lo sgombero di ieri non è stato soltanto un atto di violenza e intransigenza della Governatrice Yeda Crusius e della Brigata Militare. C'è un nefasto progetto politico in atto nel Rio Grande del sud, che coinvolge la protezione degli interessi delle imprese straniere (che sono state anche grandi finanziatrici della campagna elettorale della governatrice), un progetto che prevede la soppressione dei diritti civili e la repressione poliziesca. L'azione del 17 fa parte di una strategia elaborata dal Pubblico Ministero Statale per impedire che qualsiasi movimento sociale possa organizzarsi o manifestare. Insieme, il Pubblico Ministero Statale e la Brigata Militare resuscitano i metodi e le pratiche della dittatura militare, minacciando qualsiasi diritto di riunione, di organizzazione o di manifestazione.
Nell'azione civile che ha determinato lo sgombero del 17 i promotori hanno mostrato chiaramente che si sono ispirati al golpe militare del 1964 ricordando che il golpe che ha ristretto le libertà civili in Brasile "ha pacificato le campagne".
Lo sgombero di un'area concessa, la minaccia di multare i proprietari dell'area se torneranno ad appoggiare il MST e le promesse che ci saranno nuovi sgomberi negli accampamenti di São Gabriel (un pre-insediamento), a Nova Santa Rita e a Pedro Osório (entrambi in area di insediamento) sono decisioni autoritarie che non minacciano solo il MST ma stabiliscono una politica di repressione nei confronti di qualsiasi movimento sociale.

(...) L'anno passato, dopo la Marcia alla Fazenda Guerra, il Pubblico Ministero propose un accordo per cui il Potere esecutivo federale assumeva l'impegno di insediare mille famiglie entro il mese di aprile di quest'anno. Come mai il Pubblico Ministero non richiede il compimento dell'accordo che questo stesso potere ha proposto? E invece ora stabilisce lo sgombero delle famiglie che avrebbero potuto essere insediate e avrebbero potuto produrre alimenti, nel caso questo stesso accordo fosse stato rispettato.
Ci sono interessi non ancora chiariti nelle azioni di questa settimana e nelle misure che il Pubblico Ministero annuncia. Quello che è certo è che il ritorno dei regimi autoritari e repressivi, a servizio di oscuri interessi, minaccia tutto il popolo del Rio grande del Sud.

Coordenação Estadual MST - RS