Risultati delle indagini della CPMI - 8 luglio 2010

  • Le indagini della CPMI confermano la legalita' dell'uso dei finanziamenti pubblici da parte delle organizzazioni che sostengono la riforma agraria.
  •  
  • Non c'è stato un uso improprio del denaro pubblico per le occupazioni di terre in Brasile. E' quanto ha concluso la relazione presentata il giorno 8 luglio dalla CPMI (Commissione Parlamentare Mista di Inchiesta) che ha indagato sui legami tra organizzazioni che si occupano di riforma agraria e ministeri del governo. Nel complesso sono state realizzate 13 udienze pubbliche in otto mesi. La CPMI ha anche indagato sui conti di decine di cooperative di agricoltori e di associazioni che sostengono la riforma agraria.
  • Il relatore della CPMI, deputato federale   Jilmar Tatto (PT/SP), commenta così le conclusioni del lavoro.   
  • "E' stata una CPMI inutile. In realtà le organizzazioni sulle quali sono state svolte le indagini sono serie e svolgono un lavoro di qualificazione tecnica e di formazione superiore della gente delle campagne. Quello che si è capito è stato che l'opposizione e soprattutto il DEM e il PSDB volevano criminalizzare il movimento sociale in Brasile. Tanto è vero che, una volta installata la CPMI, non sono intervenuti alle riunioni":
  •  Il deputato federale   Onxy Lorenzoni (DEM/RS) ha richiesto di vedere la relazione durante l'ultima sessione. E' stata quindi stabilita una nuova riunione per il giorno 14. Ci si aspetta che il gruppo ruralista metta ai voti una relazione parallela a quella ufficiale pur non avendo partecipato alle udienze di indagine. 
  •  
  • “Hanno tentato, come ultima possibilità, di prorogare la CPMI. So che non sono riusciti ad ottenere le firme per questa proroga. Quindi l'unica possibilità che hanno come opposizione è presentare una relazione alternativa".
  • Per Jilmar Tatto, la CPMI ha confermato l'importanza delle convenzioni stabilite per la realizzazione di politiche pubbliche negli insediamenti e nelle aree rurali. 
  • "Queste entità fanno da ponte tra gli organi dello Stato e quelle persone che hanno più bisogno. Svolgono un lavoro fondamentale di riscatto della cittadinanza di quei settori della società che sono marginalizzati":  
  •  
  • De São Paulo, da Radioagência NP, Aline Scarso.

 08/07/10