Aggiornamenti sul Parana'

Aggiornamenti sul Paraná
Maggio 2000
15 maggio. Clima di tensione dopo l'espulsione nel sudest del Paraná
Una nuova espulsione realizzata questa mattina in Paraná torna a generare un clima di tensione nello stato. Circa 3000 senza-terra si stanno dirigendo in questo momento verso Quedas do Iguaçu (180Km de Guarapuava), nella regione sudest dello stato.Altre numerose famiglie stanno già circondando un'area in cui si trovano circa 100 poliziotti che hanno realizzato una espulsione all'alba di oggi nell'Insediamento Solidor, dove 36 famiglie stavano vivendo da 13 anni (13 anni!).
L'insediamento Solidor era di proprietà dello stato, di dominio pubblico federale (all'interno della fascia di frontiera) e aveva già un decreto di esproprio.

16 maggio. Lerner Conferma il ritorno alla Dittatura Militare risuscitando la Legge Di Sicurezza Nazionale
Il governatore Jaime Lerner conferma il ritorno al regime dittatoriale nel Paraná: in questo momento 10 (dieci) lavoratori si trovano agli arresti nel Commissariato di Quedas do Iguaçu (regione Sud-ovest ) accusati di crimini contro la sicurezza nazionale, inquadrati nell'articolo 17: "Cercare di cambiare, con l'impiego della violenza o di grave minaccia l'ordine, il regime vigente o lo Stato di Diritto. Pena da scontare: reclusione da 3 (tre) a 15 (quindici) anni". Arrestati durante l'illegale, abusivo e violento sfratto in corso da ieri nell'insediamento Solidor, a Quedas do Iguaçu, dove 36 famiglie vivono da 13 anni, i lavoratori sono accusati anche di crimine di formazione di banda, porto illegale di armi, disubbidienza, resistenza e danno. Mentre uccide, tortura, ferisce e arresta illegalmente i lavoratori/lavoratrici "strappando" la costituzione e promuovendo un'ondata di terrore e paura in tutto lo stato, il governatore accusa i lavoratori e le lavoratrici di attentare alla sicurezza nazionale.

La Polizia continua lo sfratto alle famiglie di Solidor
La polizia militare continua lo sfratto delle famiglie dell'insediamento Solidor, a Querência do Norte. Siccome queste famiglie si trovano sparse nell'area, l'azione non è ancora finita: i poliziotti continuano a distruggere le case (costruite dai lavoratori/lavoratrici a partire da finanziamenti dello stesso INCRA) e a sloggiare le persone. Secondo informazioni di ieri, la Polizia ha attaccato con spari e bombe alcuni lavoratori senza terra che si dirigevano verso l'area per portare solidarietà alle famiglie sfrattate. Le gomme dei camion che trasportavano i lavoratori sono state bucate con pallottole. La polizia sta disseminando il terrore in tutta la regione.

16 maggio. Gli insediati resisteranno alle espulsioni (centro ovest del Parana')
Lo ha deciso una assemblea di ieri con 300 insediati della colonia Ireno Alves dos Santos, de Espigão Alto do Iguaçú, nel Centro Ovest del Paraná. Lunedi la Pm ha cominciato a cacciare le 36 famiglie che abitavano lì da 14 anni. 9 persone sono state arrestate e una ferita nello scontro. L'assemblea è stata realizzato a Nova Laranjeira, a 40 Km da Espigão Alto. "Ci sarà un nuovo scontro oggi perché torniamo là" - ha detto ieri Jaime Calegari, coordinatore del MST del Paraná pochi minuti prima di iniziare l'assemblea. L'area dell'insediamento di 642 ettari è stata occupata nel 1986 e espropriata dall'Incra all'inizio degli anni 90. La famiglia Bonotto che vuole riprendersi l'area, ha ottenuto la decisione favorevole dalla Giustizia nonostante l'esproprio sia già stato fatto. " Immaginatevi 14 anni di lavoro" ha detto Calegari. Lunedi lui e altri lavoratori sono stati attaccati dalla polizia con i lacrimogeni.

Altre famiglie senza-terra espulse
Nella fazenda Trento, occupata da 30 famigie (comune di Lindoeste, a 25 chilometri da Cascavel)la polizia ha accerchiato tutta l'area.

19 maggio. La Polizia assedia Quedas do Iguaçu
Centinaia di poliziotti stanno assediando il comune di Quedas. Nessuno può entrare o uscire. Il clima è teso dall'inizio della settimana dopo l'espulsione delle famiglie dall'insediamento Solidor. Il MST dello stato comunica che la polizia stia cercando il leader del MST Calegari. Si teme che la polizia stia preparando l'espulsione delle famiglie dalla Fazenda Giacometti, di proprietà della Araupel, dove 1300 famiglie sono accampate dal maggio 1999. Le famiglie che non sanno dove andare sono preparate a resistere a qualsiasi azione della polizia. Questa vicenda può finire in una tragedia. É stata impedita ieri una manifestazione di protesta dei lavoratori mentre i comuni di Quedas do Iguaçu e Espigão alto erano assediati senza la possibilità di accesso per la stampa.

Caso Paraná denunciato ai rappresentanti dell'ONU
Mary Robinson,rappresentante dell'Alto Commissariato dell'ONU è in visita in Brasile. Durante una riunione con rappresentanti di vari enti, con parlamentari ecc., l'avvocato Darci Frigo della CPT e rappresentanti del MST hanno realizzato una deposizione esprimendo preoccupazione per le ripetute violazioni dei diritti umani in Paraná

Il deputato del PT Rosinha: il governo Lerner è il più violento della storia del Paraná.
Il deputato, in un documento pubblico, sottolinea che, in poco più di cinque anni, il governo Lerner è riuscito a superare tutti gli indici di violenza registrati in passato. Il governo strappa quotidianamente la costituzione e usa i lavoratori senza terra come sue vittime predilette.