Intervista a Sebastião Salgado

Sebastiao Salgado
L'idea della mostra è venuta a Salgado nel 1996 mentre fotografava la città di Sao Paulo.
"Ho visto la mancanza di abitazioni, di acqua, di fogne, la violenza contro i bambini e gli adolescenti, contro i bambini di strada. Posso dire che ho visto qui la peggiore miseria del mondo".

Salgado studia da anni coloro che sono costretti ad abbandonare i loro paesi.
"Nel 1985 20 milioni di persone vivevano lontane dai loro paesi. Oggi sono quasi 120 milioni. Tra queste persone ci sono rifugiati per problemi politici, etnici e religiosi".

Salgado sta lavorando anche con i migranti che hanno abbandonato i loro paesi per ragioni economiche e cercano gli Eldorado contemporanei: l'Europa, gli Stati Uniti, il Giappone. All'interno di questo progetto Salgado fotografa le metropoli come Sao Paulo, Bombay, Giacarta, Città del Messico.
"Questa situazione è conseguenza della opzione economica liberista che costringe un numero incredibile di persone ad abbandonare i campi e ad andare verso le città. Se questo processo continuerà allo stesso ritmo, entro 25 anni, il 75% della popolazione del pianeta abiterà nelle città."

Salgado fotografa anche i gruppi che stanno cercando alternative per resistere a questo processo, come gli zapatisti messicani o i senza terra brasiliani.
"Queste persone hanno scoperto che lottare, resistere, e restare legati alla terra è importante e che le città non offrono nessuna possibilità per la gran parte della popolazione che abbandona i campi.
Posso garantire che ci sono campi per i rifugiati in Zaire che sono molto più confortevoli di alcuni accampamenti di Senza Terra sui bordi delle strade.
I Senza Terra non godono dell'appoggio di organizzazioni non governative o della protezione delle Nazioni Unite. Le scuole le organizzano da soli. Sono soggetti alla violenza dei grandi proprietari e della polizia. La situazione è molto dura, ma loro non vogliono andare in città. Chi vive oggi negli accampamenti sa che arrivando nelle città la famiglia muore, esplode. La cosa più spaventosa che succede è che i ragazzi diventano marginali e le ragazze si prostituiscono. E i genitori finiscono per abbandonarli, c'è una totale disintegrazione. È per questo che le persone che vivono negli accampamenti non vogliono andare in città. L'unica soluzione è quello che fa il MST: lottare per la terra. È una lotta per la dignità del popolo brasiliano. Invito tutti i giovani, tutte le officine per la costruzione delle élites, che sono le università, ad andare a visitare gli accampamenti e gli insediamenti a vedere con i loro occhi perché spesso l'informazione che passa attraverso i media è totalmente sbagliata. I mezzi di comunicazione sono in mano a un piccolo gruppo di persone. Per loro va più o meno bene così, ci sono alcuni eccessi, ma il sistema funziona. Tuttavia la maggior parte degli abitanti del pianeta vive duramente e affronta situazioni molto difficili.

Io non fotografo i miserabili. Fotografo persone che hanno meno risorse, meno beni materiali. Ho visto spesso la miseria in paesi ricchissimi. Per me miserabile è quello che non fa più parte di una comunità, che è isolato e che ha perso la speranza. Ho incontrato molta gente affamata.Non erano miserabili perché appartenevano a una comunità, credevano in qualcosa. L'unico modo in cui le persone possono resistere, nella situazione difficile in cui si trovano, è credere nella comunità.

Sono stato al funerale delle vittime di Eldorado dos Carajás nel 1996. Al momento del funerale erano già tre o quattro giorni che eravamo lì, mentre la comunità piangeva i suoi morti. Loro erano morti, ma non erano soli. Erano circondati dalla comunità per la quale erano morti. Secondo me non sono morti nella miseria. Sono morti lottando per qualcosa."

Fotografando i Senza Terra del Brasile Salgado è stato presente ad occupazioni, ha visto gli accampamenti sui bordi delle strade e insediamenti con un buon livello di produzione. Positivamente impressionato dall'organizzazione del movimento nel paese e dai buoni risultati economici e sociali nelle aree degli insediamenti, ha progettato la mostra cedendo al MST i diritti d'autore delle foto.