Progetto del MST per La Scuola Nazionale

Reportage sulla scuola nazionale
Pedagogia per nuovi insediamenti
di Bras Santos, Giugno 2004

La Scuola Nazionale Florestan Fernandes, del MST, inizia il suo lavoro pedagogico il 5 giugno 2004. Un gruppo di 70 professori che operano negli insediamenti del movimento in varie regioni del Paese parteciperanno al corso post-laurea. Saranno orientati da docenti dell'Università di Brasília (UNB), che ha ufficializzato la sua collaborazione con il MST.
In agosto, l'ala pedagogica della scuola riceverà il primo gruppo di 200 alunni insediati in tutto il Paese.
Gli appartenenti al movimento resteranno nei 200 alloggi conclusi nel 2003 e avranno lezioni di pedagogia, cooperativismo, informatica e altre discipline.
Questa settimana c'è stato un intenso lavoro per far sì che l'edificio di 2.400 metri di area costruita fosse pronto.
Circa 40 volontari sono giunti dal Rio Grande do Sul per contribuire alla costruzione della scuola. Fanno parte della 24ª Brigata del MST.
Dal 2000, quando i lavori del complesso hanno avuto inizio in Parateí, più di mille volontari hanno prestato il loro aiuto. I volontari hanno diritto al pasto e all'alloggio, ma non ricevono salario nei 60 giorni in cui rimangono nella scuola. Le prime brigate hanno costruito il refettorio e gli alloggi degli studenti.
Il coordinatore della scuola nazionale del MST, Adelar João Pizetta, ha mostrato le costruzioni annesse all'edificio pedagogico: "La biblioteca, che può contenere 50mila libri, avrà una sala per la lettura. Per il corso post-diploma sarà usata la sala più ampia, che dopo sarà divisa in tre parti. Stiamo anche installando due auditori di 100 persone ciascuno. I primi 200 banchi per gli alunni sono stati già comprati".
Oltre alla formazione tecnica, la scuola del MST vuole contribuire alla formazione politica e intellettuale degli insediati: "in varie città con insediamenti, il movimento partecipa all'elaborazione del programma pedagogico degli alunni. La struttura fisica è del municipio. Operiamo affinché il programma scolastico affronti le materie più legate alla realtà. Per esempio, nelle lezioni di storia, i fatti sono affrontati sulla base dell'importanza della riforma agraria per le generazioni future", ha spiegato Pizetta.
Nelle città in cui il sindaco non vede con simpatia il MST e non vi sono insediati, il MST non riesce a condizionare il curriculum scolastico: "a Guararema, per esempio, è molto difficile fare qualsiasi cosa per ragioni politiche. Ma il nostro modello pedagogico ha ricevuto un premio dell'Unicef nel 1996. Tuttavia, alla stampa non piace molto divulgare questi buoni risultati ".

La costruzione della Scuola Nazionale del MST a Guararema inaugura ad agosto la sua prima fase: costerà un milione di euro
Il Movimento dei Senza Terra inaugurerà ad agosto la prima fase della Scuola Nazionale Florestan Fernandes, situata a Guararema. Qui il MST offrirà i corsi di Pedagogia, Informatica e Tecnica del Cooperativismo, oltre a piantare e seminare la lotta per la distribuzione di terre nel Paese e per un'ampia riforma agraria. Un milione di euro è il costo totale stimato per la conclusione di questa prima fase.
Due anni fa, il Mogi News ha dato notizia in esclusiva della costruzione della scuola. La settimana passata, il giornale è tornato sul posto e ha visto l'avanzamento nella costruzione, che oggi si trova nella sua fase conclusiva. Il refettorio con 1.200 metri quadrati di area costruita, l'edificio di pedagogia con 2.400 metri e altri 3.000 metri di costruzione di alloggi.
Fra tre mesi la prima fase del complesso educativo del MST a Guararema sarà pronta dopo quattro anni di lavoro.
A partire dal secondo semestre, il movimento comincerà a lavorare per raccogliere i soldi necessari per la seconda tappa.
Il progetto prevede l'installazione di un anfiteatro per 1.200 persone, altri quattro edifici per l'alloggio degli studenti, un edificio per l'amministrazione e un asilo.
Il coordinatore della Scuola Nazionale, Adelar João Pizetta, informa che nella prima fase sono stati investiti circa un milione di euro: "Equivale a circa 3 milioni di reais. È stato detto che l'investimento sarebbe di 7 milioni di reais, ma non è vero".
Egli ritiene che sarà necessaria una cifra uguale a quella già spesa finora per concludere il progetto nei prossimi tre anni: "Ma non è possibile dire in questo momento che spenderemo altri 3 e o 4 milioni di reais. Dobbiamo ancora definire quanto sarà necessario e lavorare per trovare le risorse, un compito piuttosto difficile".
La maggior parte delle risorse investite dal 2000 è venuta dall'estero: "È stato costituito un consorzio. Parte del denaro è del MST e la parte restante viene dalla Comunità Europea e da un'Organizzazione non governativa dell'Europa".
Nella prima tappa sono stati utilizzati più di 1 milione e 600mila mattoni: "Sono stati fatti proprio qui usando una tecnica sviluppata dall'Università di São Paulo", spiega il coordinatore dei lavori José Eduardo de Morais, di 35 anni.
Nei quattro edifici degli alloggi sono stati installati pannelli solari: "Questa energia sarà usata per riscaldare l'acqua delle docce. Sarà un modo di ridurre il consumo di energia elettrica". Secondo i coordinatori, anche ingegneri e architetti vicini al movimento svolgono lavoro volontario per la costruzione della scuola.
Il complesso educativo del MST si trova in una proprietà di 60mila metri quadrati, donata al movimento nel decennio passato dal fotografo Sebastião Salgado. Il nome Florestan Fernandes è un omaggio del MST al professore e sociologo marxista, uno dei fondatori del PT, morto nel 1995.

Alckmin e i produttori attaccano il MST
Allo stesso tempo in cui il MST registra il record di 200mila occupazioni in tutto il Paese, la Federazione dell'Agricoltura dello Stato di São Paulo chiede al governo federale un "alt alle invasioni criminali ". In una lettera aperta, il presidente della Faesp, Fábio Meirelles, ha approfittato dell'Agrishow a Ribeirão Preto per chiedere uno sforzo contro ciò che ha chiamato "terrorismo delle occupazioni di terre produttive nello Stato".
Anche il governatore Geraldo Alckmin (PSDB) ha visitato la maggiore fiera di agroindustria dell'America Latina chiedendo azioni ferme del governo Lula contro le invasioni.

Debolezza del governo
Per il coordinatore della Scuola Nazionale del MST a Guararema, Adelar Pizetta,
non esistono invasioni criminali: "In questa ondata di occupazioni siamo entrati solo in due fazendas produttive. Una a Bahia e l'altra a Santa Catarina. Con questi atti abbiamo voluto mostrare la facilità delle multinazionali ad ottenere terre in Brasile. Le imprese straniere possiedono il 10% delle terre di questo Paese. È un abuso".
Pizetta ha accusato l'inattività passività dei governi federale e statale e ha detto che ciò è alla base dei problemi e dei conflitti nei campi: "Quando lo Stato non fa la sua parte, le parti coinvolte tendono a imporsi gridando. Negli ultimi giorni abbiamo visto fazendeiros di São Paulo armare barricate. Sono atteggiamenti assurdi e superflui, perché il MST non vuole fare la guerra, vuole l'accesso alla terra per produrre ".
Ha ricordato che già esiste presso il Supremo Tribunale Federale (STF) una giurisprudenza in base a cui le occupazioni non sono considerate invasioni: "Con questa decisione la Giustizia riconosce che le occupazioni sono manifestazioni legittime per la riforma agraria e la giustizia nei campi.
Bras Santos

 

I volontari e l'ideale della terra
Fra 15 giorni, più di 30 volontari del Rio Grande do Sul lasceranno Guararema. Essi garantiscono che torneranno felici ai loro insediamenti perché hanno contribuito alla costruzione della Scuola Nazionale del MST. Per i volontari la scuola sarà il cuore del movimento che sta celebrando i suoi 20 anni con oltre 200 mila occupazioni.
Francieli Turri, 19 anni, ha lasciato la città di Capão do Cipó, all'interno del Rio Grande: "Sono figlia di una famiglia insediata che coltiva soia, miglio e fagioli. La nostra vita è migliorata dopo che abbiamo avuto accesso alla terra. Anche così non sono in condizioni di iniziare la facoltà di Tecnologia Agricola che ho scelto. Ho ricevuto l'invito e sono molto soddisfatta di aiutare nella costruzione di questa scuola".
Francieli ha detto di aver imparato molto: "Considero assurde le affermazioni che il MST è formato da vagabondi e invasori. Chi dice questo non sa quanto abbiamo sofferto. Stiamo lottando per un futuro migliore".
Anche l'agricoltore Vilmar Sutil, 45 anni, è soddisfatto: "Faccio parte di un insediamento di 80 famiglie nella città di Santana do Livramento, alla frontiera con l'Uruguay. Stiamo lavorando e producendo. Solo una parte degli insediati produce 145mila litri di latte al mese. Siamo il risultato della lotta del MST. Credo che questa scuola contribuirà molto al futuro del movimento. Sarà il cuore del MST".
In relazione al governo Lula, i volontari mantengono ancora la speranza, più dei leader. José Eduardo de Moraes è in Guararema dal 2001. È il coordinatore dei lavori: "Vogliamo un Brasile migliore e lavoriamo per questo. Il presidente Lula ha ereditato un Paese pieno di problemi e le difficoltà fanno parte di questa eredità". (B.S.)