Quinto Incontro dei comitati europei di appoggio al MST - SERPA 2003

5° Incontro dei comitati europei di appoggio al MST
Serpa - Portogallo, 24-25 maggio 2003
L'incontro raccoglie un centinaio di persone provenienti da numerosi paesi europei: Spagna, Italia, Inghilterra, Belgio, Francia, Germania, Olanda, Svezia, Norvegia ecc. Ampia è la delegazione portoghese e quella dei brasiliani che vivono in vari paesi del mondo, dall'Europa agli Stati Uniti.
Il MST ha inviato all'incontro tre propri rappresentanti: Egidio Brunetto, responsabile delle relazioni internazionali, Ana Maria Justo che segue da anni il progetto della scuola nazionale e Wanusa Santos che fa parte della segreteria per le relazioni internazionali.
Brunetto, nella relazione introduttiva, sottolinea l'importanza della solidarietà nell'epoca del neoliberismo e dice che per il MST le relazioni internazionali con i movimenti contadini (CLOC e Via Campesina) e gli Amici sono molto essenziali.
Il secondo punto della relazione riguarda la situazione del Brasile, dopo 8 anni di applicazione del modello neoliberista operata da Cardoso.
Il terzo, il rapporto con il governo Lula. È un governo diviso. Sul tema della terra per esempio convivono due diverse visioni, quella del ministro dell'agricoltura Rodrigues, favorevole alle grandi aziende meccanizzate, ad una agricoltura orientata all'esportazione, ai transgenici e quella del ministro della riforma agraria, Miguel Rossetto, orientato invece alla valorizzazione dell'agricoltura familiare. Il compito dei movimenti sociali, e in particolare del MST, è quello di continuare la propria lotta per spingere il governo ad agire e a realizzare la riforma agraria.
L'incontro prevede vari momenti di lavoro di gruppo, durante i quali, i vari comitati di appoggio, si scambiano le esperienze realizzate negli ultimi due anni, in parte esperienze simili: incontri, dibattiti, corsi di formazione, diffusione di materiali sul MST, adesione a campagne, celebrazione del 17 aprile (anniversario della strage di Eldorado e insieme giornata di lotta contadina nel mondo), ecc. ecc.. Stimolati dalle relazioni di Ana Maria Justo e Wanusa Santos, i partecipanti all'incontro si confrontano poi sulle possibili attività future.
Il MST si propone per il futuro di affrontare alcune importanti sfide:
- Massificare la lotta per la terra in Brasile
- Intensificare le attività di formazione di militanti e quadri
- Migliorare la propria organicità interna
- Sviluppare attività che si contrappongano al modello agricolo neoliberista (lotta permanente e di lungo periodo)
Per affrontare queste sfide il MST chiede alla solidarietà internazionale:

  1. Campagna contro il Latifondo e per accelerare la riforma agraria (tra le attività proposte: Individuazione dei proprietari europei di latifondi, collegare la campagna "Fame Zero" alla denuncia delle responsabilità del latifondo ecc)
  2. Campagna "I semi sono patrimonio dell'umanità"
  3. Campagna contro l'ALCA e l'Organizzazione mondiale del Commercio
  4. Diffusione e sostegno del giornale "Brasil de fato" (un settimanale a cui ci si può abbonare anche dall'Europa al prezzo di 100 euro. Scarica il modulo di abbonamento PDF)
  5. Solidarietà e denunce nei casi di arresto e persecuzioni politiche contro lavoratori in Brasile (ricordate che il 90% dei governatori degli Stati sono conservatori e useranno la Polizia contro i senza terra)
    Alcuni ribadiscono l'importanza di portare avanti insieme la campagna sul trasferimento dei processi alla giustizia federale, prendendo spunto dalla necessità che venga fatta finalmente giustizia sulla strage di Eldorado.
    Nell'ottobre 2003 ci sarà in Parà un tribunale internazionale sui crimini del latifondo. Deve essere un appuntamento assunto da tutti i gruppi d'appoggio come proprio, con la raccolta di firme, la visita alle ambasciate ecc.
  6. Campagne organiche del MST:
    Costruzione della scuola nazionale Florestan Fernandez (Diffusione di un video che sarà sottotitolato in varie lingue per portare avanti la campagna, creazione di una pagina internet sulla campagna nei siti dei vari comitati)
    Organizzazione di una nuova mostra di fotografie (una ventina di foto), di fotografi come Douglas Mansur, Carlos Carvalho, Canalonga, Ripper ecc. sulla vita quotidiana di accampamenti e insediamenti, per dare seguito alla mostra Terra.
    Raccogliere tutto il materiale prodotto dagli amici perché resti nella scuola e venga divulgato.
    Fare scambi di materiali e informazioni sulle campagne.
    Tra i nuovi progetti, il comitato di Roma propone la realizzazione di una banca dati costituita da tesi e lavori di ricerca sul MST
    Rispetto al problema dei viaggi di conoscenza e solidarietà dall'Europa al Brasile, il MST precisa che: accetta visite di conoscenza, se le persone vengono presentate dai comitati. Non desidera però persone che vogliano lavorare perché questo crea loro grossi problemi. In Brasile non mancano certo le braccia. I viaggi devono essere finalizzati ad un successivo impegno di sostegno al Movimento.

A conclusione dell'incontro si decide inoltre
- di costituire una nuova mailing list europea, molto ristretta, formata da persone che si conoscono tra loro e si sentono vincolate a rispondersi, perché i comitati riescano realmente a lavorare insieme. Nella lista si dovrà parlare esclusivamente di Informazione su quel che stanno facendo i comitati, Viaggi di rappresentanti MST in Europa, Messaggi per campagne in varie lingue, Proposte di iniziative congiunte

Il prossimo incontro sarà in Italia, nell'ottobre del 2005.