La questione dei soldi al MST

La questione dei soldi al MST
Maggio '00
15 maggio - La notizia/Jornal do Brasil:
Il Governo ha annunciato ieri un pacchetto di misure per evitare che vengano sviati crediti sussidiati per la produzione agricola degli insediati. Ci sono casi in cui il 3% dei finanziamenti vanno ad enti e cooperative controllate dal MST. Nei prossimi dieci giorni i crediti per gli insediati saranno sospesi in tutto il Brasile.

16 maggio - Stedile dice che le risorse sospese da Cardoso non son mai esistite.
Stedile ha detto ieri che la decisione di sospendere per dieci giorni le risorse per la riforma agraria fa parte delle azioni di propaganda del governo. "Noi abbiamo fatto una giornata di lotta all'inizio di maggio proprio perché fossero finalmente liberate le risorse" - ha detto Stedile. Queste risorse non si sono mai viste.
Altrettanto strumentale è la campagna di denuncia di distrazione del denaro pubblico verso il Movimento dei senza terra. Si tratta di un piano per spingere l'opinione pubblica contro il MST. Il governo adesso dice: "Vedete, oltre tutto il resto sono anche ladri" Il MST sta organizzando una protesta per il 2 giugno, ad un mese dalla morte del lavoratore Antonio Tavares Pereira assassinato dalla PM a Curitiba.

Sul contributo al MST, parla la Direzione del MST (1)

  1. La norma generale approvata all'interno del MST è che ogni famiglia insediata, se vuole, dia un contributo che può arrivare al 3% della sua produzione venduta. Questa è la regola.
  2. In alcuni casi, che sono insignificanti, alcune cooperative che commercializzano la produzione degli insediati, hanno preso solo come punto di riferimento, il valore del credito ricevuto.
  3. Il contributo non è obbligatorio. Le famiglie insediate che contribuiscono, devono discutere la cosa in assemblea e poi ciascuna autorizza individualmente e firmando un documento scritto questo proprio contributo.
  4. Distrazione di denaro pubblico. Il MST respinge la manipolazione operata dalla stampa che dice che si tratterebbe di distrazione di denaro pubblico. Anche nei pochi casi in cui è stato adottato come punto di riferimento il credito ottenuto, si tratta di un credito che l'agricoltore deve restituire. Anche se una parte del credito è sussidiata come potrebbe provare il governo che il contributo dell'insediato al MST è tratto dal 40% del credito sussidiato, piuttosto che dal 60% del credito che sarà restituito?
  5. La vera distrazione che avviene nei prestiti del Procera è in realtà realizzata dal Banco do Brasil e dalle altre banche che stanno riscuotendo il 5% di tassa amministrativa, mentre la gran parte del lavoro burocratico è a carico dei tecnici delle cooperative o della Emater. E il Banco do Brasil, oltre ad avere i soldi depositati nelle sue casse, ottiene dal governo un altro 5%. C'è poi un altro 2% che viene sottratto a titolo di assistenza tecnica, mentre la gran parte degli insediati non riceve assistenza tecnica da nessuno, visto che il programma Lumiar, che riguarda i tecnici che lavorano negli insediamenti, è svincolato dalla concessione di crediti. Pertanto che deve rendere conto di come vengono usate le risorse del Procera, non è il MST, ma sono piuttosto il governo e il Banco del Brasil.

Tutta questa storia è un'altra manipolazione per tentare di unire l'immagine del MST con l'immagine del governo e dei politici che sono corrotti e distraggono denaro pubblico continuamente. Il governo vuole impedire l'organizzazione dei movimenti sociali.

Luci Choinacki deputata del PT: i contributi al MST non sono un crimine
La stampa distorce le informazione quando considera criminale un processo che non è certamente nuovo. Si tratta di un meccanismo molto giusto. Chi ottiene la terra attraverso le lotte del suo movimento organizzato, continua contribuendo perché altri lavoratori rurali la ottengano a loro volta. Si tratta di solidarietà. E' vergognosa invece l'indifferenza del governo per i milioni distratti dai latifondisti e per tutti gli episodi di corruzione e la sua preoccupazione nel fare propaganda contro i movimenti sociali.

Adão Pretto deputato PT: è proibito organizzarsi
Un movimento che si organizza con l'unico obiettivo di fare pressione sul governo perché faccia una riforma agraria decente è considerato oggi un atto criminoso.

17 maggio- Solo il MST non può (articolo di Sebastiao Nery, su Diario Popular)
La Costituzione mente, dice che tutti sono uguali di fronte alla legge. Ma il MST no, tutti possono il MST no.
Gli imprenditori ricevono denaro pubblico per mantenere i loro entri e ci pagano dirigenti e impiegati.
I sindacati ricevono denaro pubblico per le loro attività e una parte di questo denaro e usata per tenere in piedi le macchine burocratiche e quindi per il pagamento di dirigenti e funzionari.
La Chiesa riceve denaro pubblico per mantenere le sue università e istituzioni, servizi sociali e con una parte di questo denaro mantiene uffici e paga dirigenti e funzionali.
I partiti ricevono denaro pubblico per le loro attività, mantengono fondazioni, case editrici, pagano salari a dirigenti e funzionari...
L'Ordine degli avvocati riceve denaro pubblico per le sue attività... e autorizza gli avvocati dell'imprese statali e delle banche a riscuotere alte percentuali, depostate presso le associazioni di avvocati (come la Cassa Economica) su qualsiasi azioni giudiziaria.
I grandi enti nazionali delle varie categorie professionali come medici, ingegneri, architetti, economisti... tutti ricevono denaro pubblico per le spese, comprese quelle per il personale.
L'Unione nazionale degli studenti e altri enti degli studenti ricevono denaro pubblico per le loro attività...
Tutti possono. Solo il MST è accusato di distrarre denaro pubblico perché riceve contributi dagli insediati che hanno prestiti pubblici. Qual è la differenza tra MST, CNI,CUT, OAB, Chiesa, partiti, studenti? Per Cardoso, il governo, il ministro Jungmann, alcuni politici, una certa stampa, le élite e gli impostori tutti, il MST è una manciata di schiavi della terra. Come erano gli schiavi prima della fine della schiavitù. Ma un giorno si libereranno.