Lettera del Senatore Suplicy al ministro Jungmann

Lettera del Senatore Suplicy
al ministro dello sviluppo agrario

Settembre 2000
Signor Ministro,
Il 13 settembre scorso, Vostra Eccellenza mi ha telefonato intorno alle 21, suggerendo un incontro per il mattino dopo, con lo scopo di riprendere le trattative tra il MST e il governo. Considerando che il MST aveva lasciato gli edifici pubblici all'inizio della settimana, lei disse che sarebbe stato importante che sgombrassero anche l'accampamento montato davanti alla fazenda "Córrego da Ponte", di proprietà dei figli del presidente della Repubblica. Se ciò fosse accaduto, Vostra Eccellenza mi ha rassicurato che avrebbe concesso, in breve, l'udienza sollecitata dal coordinamento del MST.
Ho detto a Vostra Eccellenza che avrei proposto alla direzione del MST che sollecitasse gli accampati ad allontanarsi almeno di 10 km dall'ingresso della fazenda. Vostra Eccellenza non ha fatto obiezioni. Dopo insistenti sforzi da parte mia, la mattina del giorno 14, alle 8:30, mi è stato comunicato dal coordinamento del Movimento, che i lavoratori avevano deciso di smontare l'accampamento e di spostarsi a Serra Bonita, a 12 km da lì. Gli ho detto che se avessero fatto questo, Vostra Eccellenza aveva garantito che li avrebbe ricevuti in breve. Vostra Eccellenza mi ha fatto capire che l'udienza avrebbe potuto realizzarsi anche nel pomeriggio del giorno 14, al massimo il 15.

Durante il nostro incontro della mattina del 14, Vostra Eccellenza ha sottolineato che avrei potuto contribuire all'accordo, dato che godevo di credibilità davanti a entrambe le parti. Quando, durante l'incontro, verso le 10.30, abbiamo appreso dal generale Alberto Cardoso la notizia che l'accampamento non era ancora stato sgombrato, ho sottolineato immediatamente con il MST l'importanza di compiere ciò che era stato concordato. E così è stato. Alle ore 12:30 mi è stato comunicato dal generale Alberto Cardoso che i lavoratori si erano spostati a Serra Bonita. In questa occasione, gli ho ricordato di sottolineare al presidente Fernando Henrique Cardoso l'importanza del fatto che il ministro dello Sviluppo Agrario ricevesse il coordinamento del Movimento.

La sua collaboratrice, Maria de Oliveira, mi ha informato, subito dopo, che Vostra Eccellenza avrebbe ricevuto i lavoratori in quello stesso pomeriggio. Rassicurato sul fatto che gli ostacoli erano stati superati, ho trasmesso l'informazione al deputato Adão Preto. Con sorpresa ho saputo, nello stesso pomeriggio, che Vostra Eccellenza non aveva mantenuto la Sua parola, rifiutandosi di riceverli. Osservo oggi, che Vostra Eccellenza ha cominciato a porre nuove esigenze, informando che ci sarà dialogo soltanto alla presenza dei signori José Rainha e/o João Pedro Stédile.

Vorrei metterla in guardia rispetto alla necessità del compimento, da parte di un ministro di Stato, e di un senatore della Repubblica, della parola data, se vogliamo che i dialoghi tra il governo e l'opposizione contribuiscano alla crescita della democrazia in Brasile.

Rispettosamente,
Senatore Eduardo Matarazzo Suplicy