Arte em movimento

Arte em Movimento  -   1° Edizione 1997

 

1 Terra Sertaneja

2 Pra soletrar a liberdade

3 Terra e Raiz

4 Floriô (1)

5 Assim já nínguém chora mais

6 Companheiros De Guevara

7 500 anos de resistência índia, negra, popular

8 Descobrimos lá na base

9 Quando chegar na terra

10 Manter a Esperança

11 América livre

12 Luz da América

13 Causa nobre

14 Novo amanhecer

15 Devoção à Amazônia

16 Candelária

17 Não somos covardes

18 Sonhar não cansa

19 Ordem e progresso (1)

20 Hino do Movimento Sem Terra

 

Questo è il nostro primo CD. Abbiamo raccolto, tra tutte le canzoni composte dai nostri artisti, quelle che hanno avuto più successo all’interno del Movimento, dal momento della sua nascita in poi.

Sono composizioni sulla e per la lotta che, raccolte insieme, esprimono il nostro modo di guardare al cammino che stiamo realizzando.

E’ chiaro che la musica dei sem terra non si esaurisce nelle canzoni che presentiamo qui. Faremo degli altri CD nei quali possono trovare spazio altri tipi di espressione, altrettanto valide, dei nostri poeti-cantanti.

In questo modo registriamo la nostra memoria e mostriamo con trasparenza il nostro volto agli altri.

Siamo grati a tutti gli artisti, i tecnici, i professionisti del settore musicale che ci hanno appoggiato e hanno messo a dispozione del nostro CD le loro conoscenze e la loro arte. Senza di loro tutto sarebbe stato molto più difficile.

Siamo arrivati fin qui, non ci resta che continuare" Il Movimento dei Sem Terra.

Il disco Arte em Movimento che comprende un poema e 19 canzoni, molte delle quali scritte da Zé Pinto, è la realizzazione di un antico sogno per il Movimento dei Senza Terra, un passo importante per riscattare queste canzoni che raccontano la storia del MSTe un punto di partenza per approfondire la rifessione su arte e cultura nel Movimento.
Zé Pinto, uno dei maggiori poeti del Movimento dei Senza Terra brasiliani, quinto dei dieci figli di una famiglia di senza terra, é nato nel 1960 nel Minas Gerais, nel comune di Sao Felix. Si chiama in realtà José Pinto de Lima. I Lima, i suoi genitori, erano migranti, si muovevano alla ricerca di un posto in cui poter vivere. Nel 1971 si unirono ad altre famiglie disposte a lottare e andarono in Rondonia dove occuparono terre che furono poi concesse agli agricoltori. Il padre di Zé Pinto continua a vivere là, lottando e cantando, perché cantare e suonare gli è sempre piaciuto.
Durante le sue peregrinazioni Zé Pinto è diventato poeta. Spinto dal padre a partecipare alla organizzazione dei lavoratori rurali in Rondonia, dal 1986 la sua strada si è incrociata con quella del MST. All'interno del movimento lui è diventato il cantante ufficiale della riforma agraria. Zé Pinto scrive canzoni sulla lotta di liberazione del popolo e insieme musiche e parole ispirate alla vita di ogni giorno nei campi e alle storie che gli ha raccontato suo padre. In Minas Gerais, dice Zé Pinto i cantanti chiamano queste canzoni poesie del riscatto, musica delle radici perché nascono dalle storie che succedono nel campo, dalle usanze di quei luoghi.